Martina: il primo giudice della 3° edizione del Grande Concorso “Premiata da Supercut”

E’ ricominciato il Grande Concorso “Premiata da Supercut” che durerà fino al 15 luglio 2019!

Per partecipare vi basterà condividere su Instagram o Facebook una fotografia di ciò che avete realizzato con i nostri tessuti, aggiungendo l’Hashtag #iosonosupercut.
Due saranno i possibili vincitori del concorso:
– chi otterrà più mi piace;
– chi otterrà la migliore valutazione da una giuria composta da appassionati e professionisti del settore.In premio riceveranno due metri di tessuto a scelta e un buono sconto da 40€.

Ecco l’intervista del primo giudice del concorso di quest’anno:

“Ciao Brigitte, mi chiamo Martina, ho 37 anni, sono nata e cresciuta a Milano e vivo da qualche anno in Brianza (mi ci sono trasferita per amore!). Ho studiato Industrial Design al Politecnico di Milano e ho lavorato per sette/otto anni nella comunicazione. Ora sono libera professionista e sono da poco diventata mamma della piccola Matilde! 

Quando é iniziata la tua passione per il cucito?

La mia passione per il cucito è esplosa esattamente cinque anni fa, anche grazie a
Supercut! É stato un mix di coincidenze provvidenziali.
L’insoddisfazione per il mio vecchio lavoro d’ufficio mi spingeva a cercare un hobby nuovo e creativo per il tempo libero.
In quel periodo mi ero inoltre stufata di fare shopping. Nei negozi vedevo solo capi di qualità sempre più scarsa, ero diventata molto più esigente e non riuscivo più a trovare niente che mi entusiasmasse. Non volevo più sprecare il mio tempo e i miei soldi in questo genere di abbigliamento e non trovavo valide alternative.
Un giorno per caso mi sono imbattuta in un negozio di tessuti online (Supercut!) e mi si é aperto un mondo! Potrei quindi cucirmi i vestirmi? Perché non provarci?

Allora conoscevo solo i punti a mano. Mi sono fatta prestare la macchina da cucire da mia mamma, ho comprato un libro, ho letto vari blog, ho guardato tutorial su YouTube, mi sono
fatta consigliare da conoscenti e negozianti, ho comprato il mio primo cartamodello e il mio primo tessuto e mi sono buttata a capofitto nella realizzazione del mio primo vestito,
completamente da autodidatta.
Ci ho messo due mesi, cucendo la sera e nel weekend, ma finirlo é stata una grandissima soddisfazione.

Da questa prima esperienza è nato anche il mio blog, www.ladulsatina.com.
E da allora mi sono perdutamente innamorata del cucito!
Tanto che ho capito che era la mia strada e poco dopo ho deciso di frequentare un corso professionalizzante biennale di Modellistica e Sartoria.
Ora, oltre a essere la mia passione, é anche il mio lavoro. Sono infatti libera professionista e collaboro come docente di confezione in una scuola di moda (e prima che nascesse la mia bimba, anche in corsi serali di taglio e cucito per il tempo libero, che spero di riprendere a breve!) e come tecnico di sartoria in un laboratorio universitario.

Cosa hai imparato durante questi anni di cucito?

A essere paziente perché la qualità e le cose ben fatte richiedono tempo!
Cucire i miei vestiti mi ha aiutato a essere più consapevole e a comprendere il lavoro che c’è dietro la realizzazione di un capo di abbigliamento. Mi ha in pratica educata ad uno shopping più attento ed etico.
Inoltre cucire mi ha aiutato tantissimo nella sperimentazione e nella ricerca di un mio stile personale. Mi ha permesso di prendermi del tempo per ragionare su ciò che mi fa sentire a mio agio, capire ciò che mi valorizza e che mi piace maggiormente indossare.
Il mio guardaroba é decisamente migliorato da quando ho iniziato a cucire!

A cosa ti ispiri mentre crei?

Generalmente mi faccio ispirare da un tessuto, lo acquisto e poi scelgo il cartamodello.
Anche se quando acquisto il tessuto so già sempre quale genere di capo cucirò…appena
vedo una stoffa che m’ispira, infatti, visualizzo sempre a grandi linee il capo che poi
realizzerò.

Usi dei cartamodelli?

Sì, nella maggior parte dei casi. Principalmente cartamodelli di designer indipendenti, ma mi
capita di utilizzare anche riviste. E alcune volte li disegno io stessa.

Che consiglio puoi dare?

A chi non sa cucire, ma vorrebbe provarci, consiglio di superare la paura e di buttarsi.
Imparare a utilizzare la macchina da cucire é molto meno complesso di quello che sembra.
Anch’io non avevo mai voluto provare perché pensavo fosse difficile.
In realtà è come imparare ad utilizzare una macchina fotografica o qualsiasi altro elettrodomestico che abbiamo in casa…ci vuole solo un po’ di pazienza e pratica!
A chi sa già cucire, invece, consiglio di sperimentare sempre nuove tecniche e di non
fossilizzarsi su un unico metodo/insegnamento. Il modo migliore per migliorare la propria tecnica e trovare il proprio metodo di lavoro é vedere e conoscere tanti metodi diversi.
Non esiste un modo di procedere universale, il bello del cucito é che si può ottenere un risultato di qualità con soluzioni e tecniche differenti. Quindi siate curiose e sperimentate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *