Lorena, vincitrice del premio social del concorso #iosonosupercut

Ciao! Mi chiamo Lorena, ho quasi (ahimè) 30 anni e sono mamma da pochissimo tempo. La creatività è sempre stata di casa, sin da quando vivevo con i miei genitori. Mio papà sempre alle prese con scalpello e legno da intagliare e mia mamma sempre con ago e filo in mano, o per ricamare a punto croce o per realizzare i miei vestiti di carnevale o per i teatrini di scuola. La scusa era che così avrebbe risparmiato un pochino, ma in realtà a conti fatti l’abito costava più che comprarlo già fatto. Ma io so che lo faceva perchè il risultato era impagabile e le stoffe sicuramente molto più belle!
Ho sempre amato guardarla con ago e filo. Spillare, imbastire, cucire.

Quando è iniziata la tua passione per il cucito?

La mia passione è nata nel 2018, l’anno dopo essermi sposata. Avevo finito i preparativi del matrimonio e mi sentivo incredibilmente vuota e senza nulla da fare quando rientravo dal lavoro, così mi iscrissi ad un corso di cucito in cui in realtà non imparai tantissimo. Quello stesso anno ci siamo trasferiti a Parigi e vedere la quantità di negozi di tessuti e le ragazze e i ragazzi che cucivano ha scatenato in me una passione irrefrenabile e la voglia di imparare per trasmettere anche in Italia questa passione.

Cosa hai imparato durante questi anni di cucito?

A condividere. La condivisione viene prima di tutto. Ogni volta che condivido sono sicura che qualcun altro imparerà e che il cucito non si spegnerà nel nulla. In Italia lo fanno sempre meno persone perché ritenuto un hobby per “vecchi”, anche se in realtà negozi di tessuti come il tuo, con stoffe così giovanili e frizzanti di sicuro non fanno pensare alla vecchiaia! Inoltre in Italia abbiamo una mentalità molto retrograda, pensiamo che se qualcun altro impara da noi, sicuramente ci ruba il lavoro. In realtà c’è posto per tutti, e tutti dovremmo condividere le nostre capacità!

A cosa ti ispiri mentre crei?

Mi ispiro un po’ alle ragazze francesi che seguo da sempre. Guardo sempre le loro foto, gli abbinamenti, i tessuti che acquistano, i modelli che utilizzano e mi immagino con qualche capo simile e con abbinamenti diversi. Non mi piace ispirarmi alle mode del momento perchè l’anno dopo sicuramente non saranno più in voga. Preferisco guardare cosa mi manca nel mio armadio e abbinare le mie creazioni in modo da avere un outfit sempre diverso.

Usi dei cartamodelli?

Uso principalmente il metodo del Taglio d’Oro, ma spesso utilizzo anche cartamodelli francesi e di recente anche i cartamodelli americani.
Non ho mai fatto una scuola di modellistica, lo faccio per hobby. Ma siccome la creatività non ha limiti, ho imparato a sfruttare al massimo tutti i cartamodelli a disposizione per adattarli anche agli amici e i parenti!

Che consiglio puoi dare?

Di buttarsi sempre! Di non avere paura di sbagliare, di non temere di buttare una stoffa o dover rifare tutto da capo. È anche questo il bello della creatività: saper imparare dai propri errori o saper camuffare alla grande gli errori con qualcosa che non ci sarebbe mai venuto in mente se avessimo buttato tutto. Il cucito è divertente ed è come una droga, il trucco è non demotivarsi MAI perchè una delle cose più belle sarà guardare il proprio guardaroba alla fine dell’anno e trovarlo completamente rinnovato e totalmente handmade!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *