La vincitrice del premio della giuria, Sara Tolomio

Ecco la vincitrice del premio della giuria, Sara Tolomio!
L’abbiamo intervistata per scoprire qualcosa in più su di lei e sulla passione che ci accomuna, il cucito.

 

Ciao Sara, parlaci un po’ di te…

“Ciao sono Sara Tolomio, modellista CAD a tempo pieno in una azienda del settore sportivo, mamma di una bambina di 7 anni e di un maschietto in arrivo.
Realizzare cartamodelli e cucire capi casual ed eleganti per me e per chi volesse qualcosa a gusto proprio è diventato il mio Hobby.
Pratico questa passione per divertimento e per mantenere allenate le mie conoscenze.”

Quando è iniziata la tua passione per il cucito?

“Sono cresciuta in un ambiente famigliare dove le nonne realizzavano lavori a maglia e la mamma è sempre stata brava all’uncinetto, ma penso che mi abbia influenzato in modo particolare l’autonomia lavorativa delle mie zie, che erano confezioniste industriali.

Per me e’ stato quindi naturale scegliere un percorso di studi superiori nell’ambito della moda, preferendo la specializzazione di modellista, per la possibilità di progettare e realizzare le mie idee.
Nella scuola che ho frequentato, in contemporanea alla materia di modellistica, si praticava tanta confezione secondo il metodo industriale con qualche accenno al lavoro sartoriale.

Ad oggi invece, sto sviluppando maggiore interesse nel miglioramento delle finiture sartoriali, mi piacerebbe apprendere la tecnica del ricamo per aggiungere dettagli che personalizzino i miei lavori; vorrei imparare a lavorare con i ferri per realizzare maglie che abbinerei a gonne lunghe fluide e setose… insomma i progetti sono tanti…”

Cosa hai imparato durante questi anni di cucito?

“L’autocontrollo, la determinazione e la costanza.
Da giovanissima mi capitava spesso di trovarmi ingarbugliata in lavori di cucito che proprio non volevano riuscire, spesso mi sentivo afflitta e sconfitta, pretendevo di sapere tutto inteso come “dovere personale”.
Nel corso degli anni ho capito però quanto sia importante la continua formazione, infatti i miei studi superiori di modellistica e confezione, si sono prolungati in ulteriori corsi di specializzazione.
Oggi sono tanti i modi con cui migliorare le nostre conoscenze di confezione, modellistica ecc… possiamo infatti consultare il web, riviste specializzate, blog di professionisti di vario genere, partecipare ad iniziative che ci aiutino a facilitare il lavoro in qualsiasi forma lo si pratichi, che sia per hobby o per professione principale.”

A cosa t’ispiri mentre crei? 

“Inizio a farmi una panoramica delle tendenze e sfilate della stagione in corso…e anche una consultazione di quella successiva.

Individuo il look che mi piace e lo ridisegno considerando la figura del mio corpo o di chi devo vestire; e qui mi è molto utile la consultazione dei blog relativi alle forme del corpo, in questo modo sono sicura di indossare qualsiasi capo che realizzo.

Successivamente acquisto il tessuto adatto alla realizzazione del modello scelto valutandone colore, peso e trama, immaginando come possa “cadere” lungo il corpo o come possa rispettare un tipo di volume che vorrei ottenere; oppure mi faccio una “galleria di modelli che mi piacciono” e quando trovo un bel tessuto, lo abbino ad uno di essi. Ho imparato ad organizzarmi così per evitare di accumulare materiali che difficilmente riuscirei ad usare o abbinare. I tessuti che preferisco sono cotone, lino, viscosa e flanella, prediligo quelli a navetta, ma riesco a lavorare bene anche i tessuti a maglia tipo jersey, maglina ecc…”

Usi dei cartamodelli?

“I cartamodelli li creo personalmente a mano e su misura sia per me stessa (sono tg 46 h177 forma a pera…) che per chi me li chiede.
Ecco sul lavoro su misura ci sarebbe tanto da dire…bisogna saper eseguire la correzione dei difetti, il taglio conformato quando necessario e molto altro… In questo caso utilizzo tutte le nozioni di modellistica di cui dispongo.
Ultimamente però ho acquistato cartamodelli fatti da altri per “vestirmi” di volumi diversi dal mio “standard fit” e questo mi ha aiutato a diversificare ulteriormente i modelli che realizzo. Questa esperienza mi ha incuriosito e soddisfatto molto.”

Che consiglio puoi dare?“Divertitevi, cucite con il sorriso, se qualcosa non riesce come vorrebbe, fate una pausa e rilassatevi.
Quando qualcosa non funziona significa che bisogna cambiare strategia, non e’ un fallimento, ma l’inizio di un miglioramento.”

Ringrazio Supercut per avermi dato la possibilità di presentarmi e descrivere la passione che attualmente pratico nel tempo libero, ma con la voglia continua di migliorarmi per affrontare nuovi progetti.”

 

Ecco alcune delle creazioni di Sara:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *